Menu Chiudi

Davide Ancelotti: “Solo a Napoli mi consideravano un raccomandato. In Italia la parentela…” – Tutto Napoli

Davide Ancelotti, 32 anni e due figli, nella panchina del Real Madrid è il vice di Re Carlo e lo era stato anche nella sua esperienza al Napoli.

TuttoNapoli.net

© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Davide Ancelotti, 32 anni e due figli, nella panchina del Real Madrid è il vice di Re Carlo e lo era stato anche nella sua esperienza al Napoli. Questi alcuni passaggi della sua intervista al Corriere della Sera. 

Ma a lei pesa essere considerato un raccomandato?

“Sono consapevole che ci siano questi pregiudizi, e sì, penso sempre di dover dimostrare qualcosa. Ma per me è benzina: mi fa stare motivato e non la voglio perdere. Però per il posto di vice non si fanno casting, ogni allenatore sceglie un uomo di fiducia”.

Qual è la squadra che glielo ha fatto pesare di più?

“L’unica italiana dove ho lavorato: il Napoli. Ma credo sia legato al fatto che in Italia la parentela fa più rumore”.

A Napoli sono nati i suoi gemelli, Leo e Lucas.

“E questo mi farà ricordare ancora di più il bello dell’esperienza. A Napoli sono stato benissimo, vivevamo nella Riviera di Chiaia. Il primo anno abbiamo fatto bene, siamo arrivati secondi, ma la Juve aveva comprato Cristiano Ronaldo. Il difficile è stato quando le cose hanno cominciato ad andar male e non siamo riusciti a raddrizzarle. Mi spiace sia finita così”.

Chi è l’allenatore più bravo di sempre?

“Il mio è un giudizio di parte. Ma quello che ha fatto mio padre è quasi impossibile”.

Vuole somigliargli?

“Da lui ho imparato che vengono prima i giocatori: bisogna partire da loro. Però voglio avere la mia identità”.