Menu Chiudi

Calciomercato Milan: Diallo, Hincapiè, Ziyech: i nomi per Maldini e Massara – Corriere della Sera

di Simone Golia Redazione Di Marzio

Dopo il rinnovo dei due dirigenti, i rossoneri sono pronti ad accelerare le trattative. Le priorità restano il difensore e il centrocampista: si valutano anche Acerbi, Berardi e Dybala

«Non sembra, ma sono molto felice». Il primo a parlare dopo l’accordo per il rinnovo è stato Paolo Maldini. Poi si è aggiunto anche Frederic Massara: “Ora programmiamo un futuro vincente”. I due dirigenti hanno prolungato almeno fino al 2024 la propria avventura al Milan. Lo hanno fatto in extremis, a pochissimi minuti dal termine teorico dei loro contratti. Nel frattempo Botman, il profilo a lungo seguito per la difesa, è finito al Newcastle, con gli inglesi che hanno riempito d’oro le casse del Lille (oltre 40 milioni). Renato Sanches , che doveva rinforzare il centrocampo soprattutto dopo l’addio di Kessie, è stato convinto dalle lusinghe di Campos e Galtier, che non vedono l’ora di ritrovarselo anche al Psg. Ora che Maldini e Massara hanno definitivamente risolto il problema dei loro rinnovi, il mercato del Milan può decollare sul serio. I ruoli da rinforzare, le priorità in agenda, sono chiari: un centrale di difesa e un trequartista.

Calciomercato, QUI tutte le trattative di oggi in diretta

Diallo e non solo: i nomi per la difesa

Negli ultimi giorni in casa rossonera sono tornati di moda due vecchi pallini. Uno è Abdou Diallo, 26enne in uscita dal Psg. In tanti infatti dovranno lasciare la capitale francese e pure lui è fra i partenti. Il Milan ci aveva provato anche in inverno, riflettendo sull’ipotesi di anticipare un investimento per garantirsi un giocatore che sarebbe stato una garanzia per il futuro e non solo un tappabuchi da gennaio in poi. Ma le richieste del Psg per il senegalese, preso nel 2019 dal Borussia Dortmund per 32 milioni di euro, apparvero fin da subito troppo alte. Diallo, che piace anche per la sua duttilità (oltre al centrale sa fare il terzino sinistro), non è riuscito a trovare spazio con Pochettino. Appena 1222’ in stagione, chiuso da Marquinhos e Kimpembe, per questo vorrebbe tornare a essere protagonista.

L’altro giocatore che piace sempre per la difesa è Hincapiè, che con Diallo condivide la capacità di poter giocare sia al centro che a sinistra, ma che nella carta d’identità conta sei anni in meno. Il classe 2002 è sbarcato in Europa da appena un anno, con il Bayer Leverkusen che la scorsa estate lo pagò 8 milioni di euro dal Telleres dopo una Copa America da assoluto protagonista con l’Ecuador. Da lì un primo mese di adattamento, poi Hincapié è diventato un titolare fisso anche in Germania. Motivo per cui c’è il timore che i tedeschi, forti di un lungo contratto fino al 2026, possano chiedere cifre elevate. Come quelle che pretende il Torino per Bremer, anche se per il brasiliano l’Inter continua ad avere una sorta di corsia preferenziale. Nella lista restano anche i nomi di Theate del Bologna e di Acerbi, pronto a salutare la Lazio.

Gli obiettivi per la trequarti

Qui il Milan continua a valutare un giocatore su tutti, ovvero Hakim Ziyech del Chelsea. 29 anni, una duttilità che in pochi hanno (in carriera ha giocato in 8 ruoli diversi, in pratica gli mancano solo porta e difesa), una predisposizione notevole all’assist (ben 24 nella stagione 2018/2019). Tutte qualità che hanno convinto i rossoneri a puntare su di lui. Maldini e Massara ci provarono anche un anno fa, cercando di imbastire una tripla operazione con gli inglesi. Alla fine a San Siro ne arrivarono due su tre, cioè Bakayoko e Giroud. Ziyech, il primo acquisto di lusso del Chelsea di Lampard (40 milioni di euro all’Ajax) fu trattenuto da Tuchel, per cui è sempre stato intoccabile come dimostrano i numeri dell’ultima annata (44 partite, 8 gol e 6 assist). Ma adesso la politica interna dei Blues è cambiata dopo il passaggio del club da Abramovich a Todd Boehly: il club sta cercando di accontentare gli scontenti, come dimostra il ritorno di Lukaku all’Inter. Molto dunque dipenderà dalle intenzioni del marocchino, che potrebbe giocare sì da trequartista ma non solo, e dalle condizioni che detteranno gli inglesi.

Intanto il Milan valuta anche le alternative, con Berardi e De Ketelaere che restano nella lista. Dalla quale non è da cancellare a priori Paulo Dybala. L’argentino è ufficialmente un giocatore svincolato dopo i sette anni alla Juventus. Con l’Inter non è riuscito ad accordarsi e con l’arrivo di Lukaku la trattativa con i nerazzurri si è raffreddata. Le sue richieste sono troppo alte per il Milan (la Joya chiede un ingaggio da sei milioni in su), ma se dovesse abbassare le pretese allora anche i rossoneri sarebbero in prima fila. Come Maldini e Massara, finalmente pronti a scattare per costruire una squadra ancora da titolo.

1 luglio 2022 (modifica il 1 luglio 2022 | 18:19)